Deutsch | Italiano
Sentieri Partigiani

Avvertenze

Avvertenze

Presentiamo in questo volume 15 sentieri che toccano solo alcuni di quei luoghi dell'Appennino reggiano teatro della lotta di Resistenza al nazi-fascismo - nel più ampio contesto della Seconda Guerra Mondiale - e delle vicende ad essa legate. Sono solo ipotesi di percorsi che si lasciano aperte a variazioni, interpretazioni, aggiunte, sovrapposizioni. Tante quante la vostra creatività e curiosità vorranno proporre.
Vogliamo offrire una guida per tutti. Nella scelta dei tracciati abbiamo privilegiato la chiarezza, tenendo conto della fattibilità, e del mutamento - a tratti radicale - del territorio. La descrizione escursionistica e le informazioni turistiche di supporto hanno così lo scopo di facilitare il più possibile il percorso.

Si è cercato di creare sentieri ad anello dove partenza e arrivo combacino; quando ciò non è stato possibile abbiamo proposto luoghi d'inizio e fine serviti dai bus di linea, in modo da poter sfruttare i mezzi pubblici per il ritorno. Data la lunghezza impegnativa, alcuni sentieri prevedono anelli a intersezione che possono essere svolti nella loro interezza oppure singolarmente, in autonomia gli uni dagli altri. Potrebbe essere la scusa per spezzare un sentiero lungo in due parti, sostando per un pernottamento in una delle tante strutture ricettive segnalate.

Ogni sentiero è legato a un tema e diviso in cinque parti. La prima prevede informazioni d'avvicinamento: i principali luoghi che si andranno a toccare, durata e difficoltà, profilo altimetrico e carta con riferimenti iconografici d'orientamento e storici. Seguono una descrizione del percorso, con indicazioni escursionistiche e storiche, una memoria costituita da testimonianze legate ai luoghi percorsi e una scheda storica legata al tema del sentiero. Alcune informazioni turistiche di ristorazione e pernottamento completano l'intinerario. Le cartografie che corredano ogni sentiero sono indicative: è sempre consigliato avvalersi di bussola e specifiche mappe, come:
> Appennino Reggiano, carta escursionistica 1:25.000 in tre fogli, Geomedia-Regione Emilia Romagna-CAI, 2009;
> Carta dei Sentieri e Rifugi, fogli n. 14, 15, 16, Firenze, Multigraphic.

La scala delle cartografie presenti su quello libro è 1:56.250, il lato di ogni quadrato del reticolo misura 2 km.

I riferimenti segnalati nelle descrizioni escursionistiche possono subire variozioni a distanza di tempo; le durate sono indicative. Le condizioni ottimaliper intraprendere i percorsi proposti si ritrovano nei mesi estivi, per l'ampia durata di luce e l'assenza di ostacoli come umidità e guadi difficoltosi dovuti all'ingrossarsi dei corsi d'acqua, pioggia, neve e gelo.
Fra le tante regole non scritte ci teniamo a ricordare di portate a valle i vostri rifiuti e più generale il rispetto per i luoghi attraversati.

Buon cammino.

Altre testimonianze su:
www.resistance-archive.org

Informazioni generali su:
www.istoreco.re.it